Notte d’Arte

Sabato 12 dicembre, a Napoli si svolgerà la Notte d’Arte. Si tratta del quarto anno di una manifestasione che ha per sede il centro storico e che avrà per tema la Cultura della Pace.

L’evento sarà organizzato dal Comune ed inizierà alle 17 per terminare alle 3 di notte.

Per l’occasione rimarranno aperti musei, ristoranti, chiese e stazioni di mezzi pubblici, sino alla fine della manifestazione.

L’ampio programma presentato a Palazzo San Giacomo dal sindaco De Magistris, prevede eventi a Piazza San Domenico Maggiore, Piazza del Gesù, Piazza Dante, Piazza della Carità, con spettacoli itineranti.

Ci saranno i concerti di Tony Esposito, Valentina Stella, SaBa Angolana.

Grazie al coordinamento della Confcommercio i negozi resteranno aperti per tutta la notte e saranno aperti nei giorni precedenti, per raccogliere fondi per costruire pozzi dell’acqua in Africa.

Si svolgerà durante la serata anche l’anteprima di Napoli Street Food, la manifestazione dedicata al “cibo di strada” che già la scorsa edizione ha raccolto un grande pubblico.

Spettacolari città d’Italia costruite nella Roccia

Speroni di roccia a picco sul mare, colli di tufo su valli erbose, case scavate nella roccia e abitate sin dalla notte dei tempi e montagne altissime che proteggono, bonarie e maestose, i paesini alle pendici. La roccia, che sia magmatica, calcarea o tufacea, è uno dei tanti elementi naturali che caratterizzano l’Italia, terra variegata e multiforme come poche altre al Mondo.

Avete già capito? Vi portiamo alla scoperta di 20 bellissime città italiane che hanno fatto di un paesaggio a volte ostile e complicato, come quello roccioso, il loro punto di forza.

Date un’occhiata alle più belle città italiane arroccate sulle rocce. Ognuna di queste destinazioni vale il vostro viaggio! E se ne avete altre da suggerire, lasciate un commento in fondo a quest’articolo… ne terremo conto per le nostre prossime meravigliose storie dedicate all’Italia.

Matera, Basilicata:

Cominciamo, naturalmente, con Matera, perla incredibile del nostro stivale, ancora intatta e da scoprire. I Sassi, che sono Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, rappresentano uno dei nuclei abitativi più antichi del mondo, parliamo addirittura di Paleolitico, e oggi formano un centro storico unico, scavato nella roccia calcarenitica, tra caverne e meandri labirintici. Arriverete nella zona dei Sassi attraversando la parte più nuova e moderna della città: girare l’angolo sarà come fare un tuffo nel passato, in una dimensione indefinita che farete fatica a collocare nel tempo e nello spazio e che vi riempirà gli occhi di bellezza, di sole, di storia e di natura. Matera è stupore, Matera è incanto. Andate a scoprirla! 

Italia, Basilicata, I sassi di Matera

Italia, I Sassi di Matera

Bagnoregio, Lazio

Merita la vostra visita anche Civita di Bagnoregio, nel viterbese, detta anche La Città che muore. Il borgo, tra i più belli d’Italia, sorge su una collina di tufo che l’erosione di due torrenti a valle rischia, purtroppo, di far scomparire. È per questo che la dovete vedere prima possibile e godervi le viuzze strette, le casette in pietra e le piazzette assolate, oltre al bellissimo colpo d’occhio della città in lontananza, regale e altera sul suo colle, raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale sui calanchi circostanti. Fate uno sforzo anche se soffrite di vertigini!

Italia, Civita Di Bagnoregio

Vitorchiano, Lazio

Restiamo nella provincia di Viterbo per esplorare un altro posto che nasce su uno sperone roccioso vulcanico: è Vitorchiano, col suo centro storico medievale molto bello e ben tenuto, i resti della cinta muraria e la Selva di Malano, a due passi, in cui unirete la passione per la Natura a quella per la Storia, perché qui troverete i resti di un antichissimo insediamento etrusco. Buona esplorazione!

Italia, Vitorchiano

Polignano a Mare, Puglia

Altro giro, altra corsa: lasciatevi meravigliare dall’incanto di uno sperone roccioso disegnato dal vento e dal mare, che si getta a strapiombo nel mare Adriatico di un verde intenso. Siamo a Polignano, città dal carisma tutto particolare, le cui origini greche sono rintracciabili già nel nome (“polis”): quella di Polignano è una bellezza unica, ve lo assicuriamo, e qui si respira un’atmosfera assolata e rilassata, ma con un fondo di malinconia. Una fascinazione che ammalia e che vi porterete dentro. Come la voglia di tornarci, e tornarci, e tornarci ancora.

Italia, Polignano a Mare

Pitigliano, Toscana

Torna ad essere protagonista il tufo: Pitigliano sovrasta le valli verdeggianti circostanti sul suo sperone e le domina, regale ed elegante. Tutto l’abitato è così ben integrato nella roccia e nella natura, che la mano dell’uomo, almeno all’occhio, risulta essere leggera e delicata. C’è molto da vedere in questo posto, da Palazzo Orsini alla bella Cattedrale fino alla zona del Ghetto: la città è detta anche Piccola Gerusalemme per la presenza ormai storica di una comunità ebraica. Non mancate di fare un brindisi con un buon vino kosher o un vino bianco di Pitigliano: qui la tradizione vinicola è antichissima, grazie alle numerose cantine scavate nel tufo, in cui il vino si conserva perfettamente a temperatura costante. Cin!

Italia, Pitigliano

Massafra, Puglia

Andiamo in provincia di Taranto a scoprire Massafra, la Tebaide d’Italia forse più conosciuta per il suo famoso Carnevale ma che vi toglierà le parole di bocca per il fascino delle sue gravine, le formazioni carsiche tipiche della zona della Murgia. Ammirate in particolare la gravina di Madonna della Scala, con il suo villaggio neolitico all’interno, testimonianza di antichissime civiltà rupestri. E poi il centro storico, con il castello medievale e il Duomo. E poi ancora l’Oasi WWF di Monte Sant’Elia in cui vi godrete il paesaggio pugliese, tra trulli e vegetazione tipica. Dobbiamo aggiungere altro?

Italia, Massafra

Sorano, Toscana

Sorano, con le sue casette scavate nel tufo, a strapiombo sulla valle del Lente, è un borgo ricco di storia e di bellezze. Visitate la Fortezza Orsini e il Masso Leopoldino, ma soprattutto è d’obbligo, qui, una passeggiata lungo le Vie Cave, che sono cunicoli profondi e antichi percorsi ripidi e tortuosi scavati dagli etruschi in mezzo al tufo, tra muschio e felci. Questi scenografici sentieri portano nelle necropoli del Parco archeologico, altra meta imprescindibile. Avete chiuso la valigia?

Italia, Sorano

Ischia, Campania

Che Ischia sia meravigliosa, tutta intera, lo sapete già. Non potete perdere, tra le tante meraviglie, il Castello Aragonese che nasce sulla roccia magmatica di un’isoletta collegata alla maggiore attraverso un ponte in muratura di circa 200 m. Percorrendolo vi ritroverete dinanzi all’imponenza della fortezza e al fascino di una natura che non è cornice, ma protagonista insieme alla storia antichissima: il castello infatti si fa risalire al 474 a.C. Pronti al tuffo? Nel mare o nel passato? Entrambi, ovvio!

Italia, Isola di Ischia

Manarola, Liguria

E cosa ne dite di un borgo pittoresco e colorato, con le casette che sorgono strette tra loro sulla roccia scura e che si affacciano sul mare blu? Seguiteci in Liguria, vi portiamo a Manarola. Le Cinque Terre sono Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO proprio perché “rappresentano l’armoniosa interazione stabilitasi tra l’uomo e la natura per realizzare un paesaggio di qualità eccezionale e che manifesta un modo di vita tradizionale millenario”. Manarola, dunque, non potrà che stupirvi. E ricordate che qui si produce un olio ottimo e il famosissimo vino passito Sciachetrà. Portateli ai vostri amici, saranno souvenirs particolarmente apprezzati.

Italia, Cinque Terre, Manarola

Positano, Campania

Sospeso tra cielo e terra, tra roccia e mare, Positano è un posto magico che dovete vedere almeno una volta nella vita: scalinate, case, chiese e cupole si fondono con la roccia e con la macchia mediterranea, per paesaggi incredibili, e il mare è l’elemento per eccellenza, come ribadisce forte e chiaro il nome stesso della città, che appunto deriva da Poseidon, il Dio del Mare. Imperdibile la passeggiata panoramica lungo il Sentiero degli Dei. Si parte! Scoprite di più: road trip in Costiera Amalfitana in 10 tappe meravigliose

Italia, Positano

Amalfi, Campania

La storia gloriosa di una potente Repubblica Marinara, la Costiera spettacolare che tutto il Mondo ci invidia, la gastronomia eccellente, l’acqua limpida, le case arrampicate sulla roccia e i vicoli chiassosi: Amalfi è terra di emozioni. Respirate l’odore del mare, vivete al massimo la vita della città e non dimenticate di assaporare una delizia al limone, magari mentre il sole infuocato scende dietro lo specchio d’acqua, tingendo il cielo d’arancio e di viola.

Italia, Amalfi

Calcata, Lazio

Calcata stupisce dal primo sguardo, sbucando improvvisamente sulla strada con le sue case scure, che sembrano nascere dalla roccia tufacea, come ne fossero un prolungamento. Un borgo bellissimo, luogo d’elezione di artisti e hippies, che sovrasta la vallata del Treja e che vi immergerà in una dimensione di tranquillità e di sogno, a soli 40 km da Roma e dal trambusto della Capitale. La foto sulle poltrone in pietra nel primo spiazzo che incontrate è d’obbligo; poi spingetevi all’interno e perdetevi tra le strade e i mille localini che vi faranno apprezzare la cucina romana. Qui si festeggia la notte delle streghe e si sussurra che qualcosa di misterioso e magico abbia a che vedere con questo posto: non vi resta che andare a scoprirlo!

Italia, Calcata

Pentedattilo, Calabria

Il nome curioso viene dal greco “penta daktylos” e vuol dire “cinque dita” perché questo borgo sembra nascere proprio nel palmo di una mano, all’interno di una mano fatta di roccia. Una mano che regge e protegge quello che un tempo era un centro vitale e strategico, nell’età greco-romana, che purtroppo nei secoli ha perso d’importanza fino ad essere completamente abbandonato e disabitato. Oggi è rinato in tutto il suo splendore: andate ad ammirare le strade intagliate nella roccia e l’atmosfera quasi irreale che qui si respira, non ve ne pentirete!

Italia, Pentedattilo

Ragusa Ibla, Sicilia

Ibla, centro storico e cuore pulsante di Ragusa, colpisce il turista per il suo ricchissimo stile barocco e per la sua posizione dominante, su una collinetta rocciosa: il sole batte sui tetti e sulle scalinate, sui vicoli e sulle piazzette e tutto racconta di storie lontane, di tempi antichi e di civiltà millenarie che hanno segnato, e disegnato, in fondo, questo posto. Da vedere c’è una quantità infinita di statue, chiese, monumenti e da mangiare c’è anche di più. Chi viene con noi?

Italia, Ragusa Ibla

Castelmezzano, Basilicata

Spostiamoci ora sulle Dolomiti Lucane, un’altra delle meraviglie naturali del nostro Paese, per esplorare Castelmezzano, piccolo borgo che nasce proprio al di sotto delle cime frastagliate di queste montagne coreografiche, immerso nei boschi di faggio: passeggiare per le sue vie vi farà sentire parte del territorio, minuscoli di fronte all’enormità della natura. Una volta qui non vorrete mica tralasciare l’adrenalinica esperienza del Volo dell’Angelo?

Italia, Castelmezzano

Tursi, Basilicata

Restiamo in Lucania, terra di magia e di incanti, per addentrarci nella zona dei calanchi, fino a Tursi, un posto che lascia senza fiato. È così che si resta, infatti, dinanzi al bellissimo quartiere della Rabatana, in pieno centro storico, costruito con materiale arenario lungo i calanchi argillosi, nonché testimonianza di insediamenti arabi in questa zona. Non ripartite senza aver assaggiato i tipici falagoni ripieni di patate o di bietole. E se avete tempo fate un salto anche ad Aliano e Craco. Segnatevi queste mete in agenda, ci ringrazierete del consiglio!

Italia, Città di Tursi

Valsinni, Basilicata

Eh sì, la Basilicata ha molto da raccontare e da mostrare se si parla di Natura intrecciata alla Storia. Dopo i calanchi e le montagne, Valsinni sorge tra suggestive rupi, dominando la valle del Sinni, all’interno del Parco Nazionale del Pollino. Dai tempi della Magna Grecia passando per la triste storia della poetessa Isabella Morra, questo posto saprà conquistarvi: non perdete il Castello feudale, l’antica città fortificata e gli spettacoli di strada che animano le serate nel periodo estivo. Fateci un pensierino!

Italia, Valsinni

Tellaro, Liguria

Fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia anche Tellaro, piccolo villaggio marinaro che segue l’andamento della scogliera su cui è costruito e che si affaccia sul Golfo della Spezia. Il castello, il porto, il Palazzo Doria: tutto contribuirà a rendervi felici della vostra scelta. Se siete indecisi sul periodo, vi consigliamo di andare durante le vacanze invernali: qui si tiene, infatti, il Natale Subacqueo, una delle feste più amate da abitanti e turisti. Andate a vedere!

Italia, Tellaro

Vieste, Puglia

Proprio sopra la bianca roccia calcarea del Gargano, a picco sul mare Adriatico, sorge il nucleo dell’abitato di Vieste, uno di quei posti che diventano in un attimo un luogo del cuore. La Puglia non delude, ed è un dato di fatto, ma qui si esagera: mare cristallino, spiagge mozzafiato con calette romantiche, un bellissimo centro storico di casette bianche e chiese di epoche diverse, un castello che vi regalerà viste incredibili e una cucina che non teme confronti. La Perla del Gargano è uno scrigno di tesori, andate a scoprirli!

Italia, Vieste

Sant’Agata de’ Goti, Campania

Il reticolo di stradine e le case di questo borgo medievale, antico e bellissimo, si sviluppano su un blocco tufaceo al centro di due torrenti e le sue origini si fanno risalire ai tempi remoti della Prima guerra sannitica. Andate a vedere la Cattedrale dell’Assunta, il Castello e la chiesa di San Francesco d’Assisi, e per finire aspettate il tramonto, così che potrete godere delle pennellate dorate che il sole dipinge sulle rocce mentre scende. Buona visione!

Italia, Sant'Agata de' Goti

Siti Reali per la #DietaMediterranea

Quattro weekend di incontri e itinerari tra cibo, arte, archeologia, scienza ed eventi che si svolgeranno dal 25 settembre al 25 ottobre 2015 e saranno incentrati intorno ai maggiori monumenti della Campania, come le Residenze Borboniche di Portici, Caserta e Carditello, gli scavi di Pompei, il Belvedere di San Leucio, il Sito Reale di Capodimonte, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Complesso Monumentale di S. Domenico Maggiore di Napoli.

Un programma impegnativo che ha come obiettivo: promuovere il grande distretto agro-turistico della “Campania Felix”, sollecitando la salvaguardia del territorio e valorizzando le eccellenze culturali e agricole della regione, proponendo, al contempo, al mondo intero una via “mediterranea” al rapporto tra uomo-cibo-territorio e un possibile modello per garantire alle future generazioni il diritto al cibo e al benessere socio-economico in maniera diffusa e sostenibile».

I quattro weekend sono organizzati in due sessioni:
Sessione 1. Percorsi nella Dieta Mediterranea
per ogni fine settimana, un appuntamento dedicato alla Dieta Mediterranea con spazi di confronto, dibattito e degustazioni e un secondo appuntamento rivolto agli itinerari di visita nei siti patrimonio dell’umanità.
venerdì 25 settembre presentazione volume I napoletani da mangiafoglie a mangia maccheroni di Emilio SERENI, Sala Cinese, Reggia di Portici (ore 16) in collaborazione con il Dipartimento di Agraria Università degli studi di Napoli “Federico II”
domenica 27 settembre itinerario Come mangiavano gli antichi. A spasso nel tempo a Pompei tra tradizioni alimentari, antiche ricette e opere pittoriche presso gli Scavi di Pompei (ore 10:30)
venerdì 9 ottobre Capodimonte per Expo, artigiani del gusto e il futuro agricolo delle colline di Napoli in collaborazione con il Comune di Napoli
domenica 11 ottobre itinerario Oltre il Museo, la collina dai mille tesori
venerdì 16 ottobre Giovani e patrimoni Unesco in collaborazione con la Seconda Università degli studi di Napoli (ore 10)
sabato 17 ottobre I Beni Unesco della Campania in collaborazione con il Club Unesco Caserta (ore 10)
domenica 18 ottobre itinerario delle Residenze Borboniche della Campania Felix (ore 10)
Sessione 2. Festival della Dieta Mediterranea
dal 22 al 25 ottobre presso il Complesso Monumentale di S. Domenico Maggiore a Napoli. Durante il Festival saranno approfonditi i temi legati ai territori regionali della dieta mediterranea; sabato 24 ottobre si svolgerà la Cerimonia dei Premi Afan de Rivera e Siti Reali, per l’assegnazione delle rispettive borse di studio rivolte a giovani studenti del Sud Italia e consegnare i riconoscimenti ad alcune personalità e realtà di eccellenza che si sono distinte per l’impegno profuso a favore della Dieta Mediterranea. Nei quattro giorni del Festival della Dieta Mediterranea si svolgeranno parallelamente incontri, convegni e workshop tematici, racconti e letture di gusto, allestimenti, esposizione e stand di prodotti tipici campani e ancora itinerari di visita nel centro storico di Napoli, patrimonio Unesco dal 1995. Alcune di queste attività coinvolgeranno anche gli studenti delle scuole di Napoli e della Campania.

Festa di San Gennaro, menù fisso con varietà

Una data molto importante per Napoli….perchè non festeggiare trascorrendo una serata all’insegna del divertimento? Cena con Spettacolo di Canzoni e Varietà, passando attraverso le storie delle più belle melodie napoletane cantate da un’interprete d’eccezione …

ALBA PIERNO. Inoltre la posteggia e la verve del simpatico TONY ART che con i suoi travestimenti, impersonando personaggi illustri del teatro e del varietà napoletano, faranno il resto.

SOLO PER PRENOTAZIONE: 0815529105 – 3346471216 Ristorante ‘A Canzuncella

Stampa Coupon Cosa si fa questa sera

Costo della cena: EURO 35 a persona incluse bevande