Pastiero 2016 XXXIII edizione

image

S. Angelo all’Esca, uno dei più caratteristici borghi d’Irpinia, si prepara ad accogliere la 33° edizione del Pastiero 2016, una manifestazione che è ormai un simbolo della Tradizione locale: un rustico di 2.000 uova, 30 chili di pasta, 50 chili di formaggio, cotto – nella piazza centrale del paese – in un enorme ruoto di rame, alimentato dalla brace di un gigantesco falò.

Read More

A Gragnano nasce “La Selezione”, prima Rete di Impresa che riunisce 5 eccellenze pastaie artigianali

112f07c3-6ab1-43b9-bfdc-0fdeb8cd270b

Cinque dei più storici e noti pastifici di Gragnano che producono i migliori formati artigianali e custodiscono i segreti della lavorazione della pasta da poco si sono riuniti sotto un nuovo marchio che vuole racchiudere tradizione e qualità.

“La Selezione” è il nome scelto per identificare il nuovo brand e l’iniziativa imprenditoriale che con entusiasmo e determinazione ha visto la luce dopo mesi di intenso lavoro e di confronto.

Il nuovo progetto, che affianca al sapore della tradizione il gusto dell’eccellenza, unisce 5 pastifici di Gragnano, la città della pasta per eccellenza; questi i nomi dei marchi protagonisti: Faella, Gentile, Gerardo Di Nola, Carmiano e il Vecchio Pastaio.

Le aziende promotrici, pur mantenendo le proprie singole identità commerciali, potranno contare sui vantaggi generati dall’unione di più realtà produttive, per vincere le sempre più complesse sfide competitive del mondo della pasta.

Per presentare ufficialmente il nuovo brand “La Selezione” i 5 pastifici di Gragnano, in collaborazione con Laura Gambacorta, organizzano il 6 giugno presso l’agriturismo Casa Scola una degustazione che coinvolgerà gli chef gragnanesi Giulio Coppola de La Galleria, Vincenzo Vaccaro di Cucina 82 e Ciro Coticelli di Borgo di Castello

 

Presentazione ufficiale il 6 giugno presso l’Agriturismo Casa Scola

 

Al Borgo Marinari tre giorni di degustazioni con Vini Ville e Sapori 2016

Screenshot_1

L’esclusivo wine-show “Vini, Ville e Sapori” festeggia con il pubblico il suo decimo anniversario con una speciale edizione, un nuovo format, in uno dei luoghi più suggestivi di Napoli, il Borgo Marinari, che da venerdì 22 aprile a domenica 24 aprile si trasformerà, fino a tarda sera, in un vero e proprio “villaggio del gusto”, rigorosamente all’insegna delle prelibatezze e delle eccellenze dell’enogastronomia campana.

Read More

Cosa fare stasera da solo o con gli amici, in città!

Cosa-fare-stasera-da-solo-o-con-gli-amici-a-casa-e-in-città

Cosa fare stasera con gli amici in città.
Condividere una parte della giornata con i propri amici è sempre un piacere, sia che si vada a bere una birra, sia che si opti per una passeggiata e quattro chiacchiere in tutta tranquillità.
La città offre tante alternative che con gli amici è possibile sfruttare, dal concerto alla mostra passando per una serata di musica live e il cinema.
Per organizzarvi al meglio e scoprire quello che offre la vostra città questa sera, è collegarsi a http://cosasifaquestasera.it/, un motore di ricerca che vi permette di sapere subito cosa c’è da fare più vicino a voi.
Beh, buona serata!

Vico Equense: F E S T I V I T A’ N A T A L I Z I E 2015/2016

Programma:

6-7 dicembre “I sapori del Natale” mercatini , anim

azioni, gastronomia

.

Borgata

Arola dalle ore 18.00 alle ore 23.00 Gastronomia, a

rte, animazione e artigianato.Promossa dalla

parrocchia S.G. Battista e dalla Pro Loco Borghi d’

Aequa.

7 dicembre

“I percorsi dell’archeologia a Vico Equense” Mostra

archeologica

Antiquarium Aequano Silio Italico (centro città)

promossa dalla Sopraintendenza Archeologica

della Campania.

8 dicembre

ore 18.45 Concerto per pianoforte e violino

Chiesa della Ss Annunziata

(centro storico) Memorial della prima guerra mondia

le promosso dall’Associazione Aequa 20 –

8 dicembre / 6 gennaio 2016 borgata Ticciano Natale

per i più piccini

con un

piccolo itinerario di Babbo Natale, distribuzioni d

i varie leccornie, biscotti tipici dei paesi

scandinavi. Promosso dall’associazione Anna Verde c

on altre associazioni territoriali e realizzato

nel salone dell’ex edificio scolastico.

9 dicembre ore 17.30 Musicisti in erba

Chiesa della Ss Annunziata (centro storico)

promosso dall’Associazione Aequa 20

11- 12 e 13 dicembre FESTA DELLA ZEPPOLA

borgata Massaquano

dalle ore 18.00 alle ore 23.00 Gastronomia, arte, a

nimazione e artigianato. Festa promossa da

Azione Cattolica parrocchiale in collaborazione con

Pro Loco Borghi d’Aequa.

17 Dicembre

ore 19.00

Concerto di Natale

Chiesa della Ss Annunziata promosso dal

centro studi musicali Augusta Coen diretto da Anton

ia Tortora.

19 e 20 dicembre

Il meglio del Social World Film Festival a Natale”

proiezioni al

Museo del Cinema (Palazzo storico comunale – centro

città) per grandi e piccini dalle ore 17.00

alle 22.30 [Ore 17.00 – 19.00 cortometraggi animat

i / ore 19.00 – 22.30 cortometraggi e

documentari ] in collaborazione con l’Associazione

Social World Film Festival

20 e 23 dicembre ore 19.00

“se Natale fosse davvero Natale” spettacolo promos

so dalla Gi.M.

Oratoriana sala teatrale Convento di San Vito.

21 Concerto
ore 18.30 Concerto di Natale “La grande emozione”
Chiesa della Ss
Annunziata (centro storico) promosso dall’ Istituto
Comprensivo Costiero.
22-23-24 dicembre Christmas on the road
vivi la magia del Natale nel centro
cittadino con negozi aperti e idee promozionali, me
rcatini e menù
natalizi a prezzo fisso.
Promosso da
Associazione dei Commercianti ACOVE
23 dicembre borgata Bonea “la voce della coscienza”
spettacolo teatrale di A.
Cavallaro Parrocchia San Giovanni Evangelista con i
l gruppo giovanile parrocchiale.
25 -27 – 28 dicembre e 3-4-6 gennaio Rassegna di te
atro “Cacorna” borgata
Massaquano
Auditorium Don Luigi Guida – promossa da Compagnia
gli Ipocriti in
collaborazione con Pro Loco Borghi d’Aequa e F.I.T.
A. Napoli
25 Dicembre ore 20.30 Concerto di Natale:
capolavori della musica classica tra
il vecchio e il nuovo anno
– Chiesa dei SS. Ciro e Giovanni (centro città) co
n la SCS
International Chamber Orchestra.
Borgata Moiano – La cantata dei Pastori
Chiesa di S.Renato (data /ora da definire)
26 dicembre dalle ore 10.30
Intrattenimento
Animazione,
Ballo, musica e Zeppolata nel
centro cittadino
a cura dell’ Ass. A.S.D. Tersicore new
26 dicembre borgata Bonea – Tombolata
con animazione e musica –
Parrocchia San
Giovanni Evangelista
26/27/28/29 dicembre e 3/4/5/6/9/10 gennaio Spettac
olo teatrale “chi non
muore si rivede”
promosso e realizzato da Compagnia Stabile Teatro M
io
27 DICEMBRE ORE 19.30 Concerto di Natale alla Cappe
lla Rossa
Borgata
Montechiaro
27 dicembre ore 18.00 borgata S. ANDREA
Tombolata
e intrattenimenti con la
partecipazione dei WHY NOT
28 e 29 dicembre e 9 e 10 gennaio ore 19.00
“pezzi di teatralità napoletana” spettacolo
promosso dalla Gi.M. Oratoriana sala teatrale Conve
nto di San Vito.
29 dicembre ore 18.00 evento di musica “a piccoli p
assi…grandi talenti! Vieni a
scoprire il tuo
a Piazza Mercato
promosso dall’Associazione musicale “Santa Cecilia.

30 dicembre ore 19.00

Natale in Coro

alla Chiesa della SS. Annunziata

(centro

storico) Rassegna di canti natalizi eseguiti dai co

ri delle parrocchie del Comune.

31/1 gennaio CAPODANNO IN PIAZZA

2 e 3 gennaio

Il meglio del Social World Film Festival a Natale

proiezioni al Museo

del Cinema (Palazzo storico comunale – centro città

) per grandi e piccini dalle ore 17.00 alle

22.30 [Ore 17.00 – 19.00 cortometraggi animati / o

re 19.00 – 22.30 cortometraggi e

documentari ] in collaborazione con l’Associazione

Social World Film Festival

2 – 3 – 5 – 6 gennaio borgata Bonea

Parrocchia San Giovanni Evangelista

Canzone di Capodanno

evento musicale realizzato dal Circolo “Carlo Bosa

no”

La voce della coscienza

spettacolo teatrale di A. Cavallaro con il gruppo g

iovanile parrocchiale

Concerto natalizio

della Schola Cantorum parrocchiale

Arriva la befana

: giochi, animazione e distribuzione regali ai più

piccini

6 gennaio – “

La tradizione è il passato che insegna

107 edizione Sfilata delle Pacchianelle dalle ore 1

5.00 con partenza dal

Convento di San Vito

6 gennaio – Concerto dell’Epifania

borgata Moiano – Chiesa di S.Renato

tradizione classica, cultura popolare e giovani pr

omesse del territorio con la Ma Colomba Staiano.

Ponte dell’Immacolata 2015

Ecco la nostra selezione di sagre ed eventi gratis per trascorrere il Ponte dell’Immacolata 2015 a contatto con l’enogastronomia, le tradizioni e le feste popolari della Campania più autentica e genuina.

Vitigno e grappolo di Fiano di AvellinoIl legame tra il pregiato Fiano Docg e la città di Avellino sarà il tema dell’iniziativa Fiano in Avellino “Torno nella mia città” che si terrà sabato 5 e domenica 6 dicembre nelle suggestive grotte della settecentesca Villa Amendola, ad Avellino. La manifestazione si articola in conferenze e degustazioni guidate di Fiano, ma anche di Greco, Aglianico, Taurasi e in assaggi di pietanze tradizionali irpine cucinate da chef locali.
L’iniziativa, inoltre, vedrà la partecipazione del noto enologo campano Luigi Moio, ordinario di Enologia all’Università Federico II di Napoli. In programma anche una mostra d’arte sulla storia del Fiano di Avellino e concerti di musica jazz. L’ingresso è libero mentre le degustazioni guidate prevedono un costo per la partecipazione.

Cantine Aperte a NataleRestando in tema di eccellenze enologiche regionali, nei weekend 5-6 e 12-13 dicembre, alcune tra le cantine campane aderenti al Movimento Turismo del Vino accoglieranno visitatori, gourmet ed appassionati di vino all’evento Cantine Aperte a Natale 2015.
Avrai l’opportunità di gustare prestigiosi vini e prodotti tipici, partecipare a visite alle vigne, ascoltare buona musica e, magari, provvedere anche ai regali natalizi.

Notte re la focalenzia a CastelfranciLe specialità enogastronomiche della Campania, accompagnate dal folklore e dalle tradizioni popolari, andranno in scena anche nel caratteristico borgo irpino di Castelfranci, il 5, 6, 7 e 8 dicembre durante la Notte re la Focalenzia.
In onore dell’Immacolata Concezione saranno accesi grandi falò, come da secolare tradizione, che insieme al vino e alla musica popolare riscalderanno i corpi e gli animi dei partecipanti. Oltre alle degustazioni di alcuni tra i più prestigiosi vini irpini, si svolgerà una “gara del miglior vino Aglianico di Castelfranci non commerciale”.
Il programma, inoltre, prevede concerti di musicisti itineranti, spettacoli per bambini e visite guidate ad alcuni dei principali monumenti del borgo, compreso lo storico Palazzo Celli, oggi sede di un centro per la vinoterapia.

Il focarone della Festa de lo Fuoco a LioniIl fuoco eserciterà la sua funzione vivificante ed aggregatrice anche martedì 8 dicembre, nel corso della festa per la Madonna de lo fuoco, a Lioni.
In un atmosfera festosa e autentica, nel centro storico della cittadina irpina, si potranno vivere momenti di condivisione e convivialità, gustando i prodotti tipici locali come il torrone caldo in cialde croccanti, le castagne pralinate al miele e molto altro.
Non mancherà il vino, la musica e le danze popolari.

Non solo vino e piatti tradizionali, i festeggiamenti per il ponte dell’Immacolata vedranno come protagonista anche un’altra stella nel firmamento delle eccellenze gastronomiche della Campania: l’olio d’oliva.
La raccolta delle olive ad Albanella, nel CilentoAd Albanella, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, sabato 5 e domenica 6 dicembre si terrà la XXII Edizione della Giornata Promozionale dell’Olio d’Oliva. Saranno due giornate di percorsi gastronomici attraverso antiche pietanze tradizionali preparate con il pregiato “oro verde” di Albanella, come le lagane e ceci, broccoli con salsiccia, paccheri con baccalà e molto altro.
Quest’anno per la prima volta, nella giornata di domenica, i visitatori potranno gustare i prodotti proposti dagli stand gastronomici anche a pranzo, accompagnati dalle canzoni di un cantastorie.
In programma dibattiti, workshop, spettacoli di musica popolare e un’escursione guidata gratuita alla vicina Oasi WWF Bosco Camerine, non lontano dalle Grotte di Castelcivita.

Bruschette con l'olio di Carife a CarifolioAnche a Carife, nella Valle Dell’Ufita, zona di produzione dell’olio extravergine d’oliva DOP “Irpinia Colline Dell’Ufita”, si festeggia con Carifolio, la festa dell’olio nuovo irpino, in questo caso il primo olio dell’anno.
Potrai assaggiare l’olio appena franto insieme a piatti tipici a base di legumi e vivere le atmosfere genuine di una tipica festa contadina, con “le bruschette per tutti” a chiusura stand, “Gli zampognari e i Canti Natalizi”, il mercatino di prodotti artigianali e il rito della piantumazione di un ulivo, nel rispetto della tradizione locale.

 

ASSALTO AL MEGA CROCCANTINO

Quanto sarà lungo il Megacroccantino 2015? Lo scopriremo solo il pomeriggio dell’8 dicembre quando il calendario di appuntamenti della prossima Festa del torrone segna quello con la creazione del croccantino da guinnness. Le misure del dolce saranno svelate un attimo prima che sia preso d’assalto dalla golosità degli affezionati, molti dei quali raggiungono il centro fortorino anche solo per assistere a questo momento.

mando

La preparazione del Megacroccantino avverrà anche quest’anno in piazza Risorgimento grazie al lavoro degli addetti nei laboratori dolciari sammarchesi che, dopo aver realizzato il tradizionale croccante, un cuore di mandorle, nocciole, zucchero e miele, lo stenderanno su di un piano che taglierà in due la piazza principale del paese, e infine lo ricopriranno di cioccolato fondente, pronto per essere sbriciolato e degustato.

Lunedì 8 Dicembre ore 15.00 – Piazza Risorgimento

Vinicibando: un’oasi del gusto

“Vinicibando è una festa dell’eccellenza, un’oasi del gusto, che si svolge a Gaeta, in programma dal 20 al 22 novembre. L’evento, giunto alla quarta edizione, è oramai un classico d’autunno. Ogni anno, sempre nel mese di novembre, riunisce personalità, operatori dell’enogastronomia e cultori del cibo di eccellenza, in una cornice elegante e raffinata: dove la passione per il cibo di qualità si fonde con il piacere dello svago. Fiore all’occhiello della manifestazione saranno le numerose aziende laziali, soprattutto pontine, coinvolte in un ampio carnet di eventi, dove le grandi protagoniste sono le produzioni di qualità e la gastronomia del territorio. Ad animare la kermesse gaetana dedicata sempre più in maniera attenta all’alimentazione consapevole, l’intera produzione agricola convenzionale, biologica e biodinamica; le prospettive dei prodotti artigianali identificativi delle diverse regioni italiane; il commercio etico e solidale riferito alla salvaguardia delle piccole realtà produttive.Quest’anno a rendere Vinicibando ancora più intrigante sarà la presentazione del film di Fabiola Giancotti da un’idea di Stefano Goracci:“Convivium italiano. Viaggio in Italia 2015” e il gemellaggio con “Cerealia. La Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo”, il festival culturale dedicato al mondo dei cereali, promosso da Music Theatre International e ArcheoClub D’Italia, sede di Roma. L’edizione 2015 di Vinicibando si caratterizza in tre differenti giornate in cui le aziende si alterneranno per evidenziare al meglio il prezioso giacimento enogastronomico del Belpaese. Fondamentali le scuole del gusto dedicate ai bambini e laboratori di cucina in cui tutti i partecipanti saranno chiamati a collaborare con gli chef della Fedeazione Italiana Cuochi nella realizzazione di pietanze che, partendo dalla preparazione casalinga, daranno forma a veri e propri piatti gourmet. Fondamentali le scuole del gusto dedicate ai bambini e laboratori di cucina creativa in collaborazione con gli chef della Federazione Italiana Cuochi per la realizzazione di pietanze che quest’anno riguarderanno anche la cucina cinese e tunisina. Una fucina di idee e progetti da approfondire, diffondere e portare avanti in cui tutti diventano protagonisti, pubblico e produttori. Non a caso l’iniziativa si apre al Mof di Fondi, alla presenza degli operatori di uno tra i mercati ortofrutticoli più importanti d’Europa, e contempla un convegno promosso dall’Unaprol dal titolo “Geopolitica degli alimenti e sicurezza alimentare: olio extravergine di oliva, un prodotto identitario; esigenze legislative e corretta informazione “, e il seminario organizzato dalla Confederdia Lazio per domenica 22 novembre, dal tema: “Jobs Act: la Riforma del lavoro” e ancora “La Formazione: ForAgri risorsa per lo svuluppo delle imprese”.

Calici di stelle

Campoli del Monte Taburno, Tramonti, Petruro Irpino e Guardia Sanframondi. Dal 4 e fino al 10 agosto 2015 torna “Calici di Stelle”, la grande kermesse del vino che culmina nella notte di San Lorenzo, famosa per lle stelle cadenti; una notte da trascorrere tra degustazioni di vino e incontri in luoghi aperti, nelle piazze e nei borghi, nei centri storici o nelle aziende vitivinicole.
L’evento, organizzato dal Movimento Turismo del Vino con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Città del Vino, valorizza il rapporto tra “vino-territorio”, “vino-cultura”, “vino-turismo” e “vino-accoglienza”.
 

Ecco gli eventi in Campania.
A Guardia Sanframondi (Benevento), dal 4 al 10 agosto appuntamento con “Vinalia”, manifestazione enogastronomica di promozione delle eccellenze del territorio, con esposizione e degustazione dei vini e dei prodotti tipici della regione Campania. L’evento si svolge nel centro storico tra Piazza Castello e Piazza Mercato. Il 10 agosto brindisi sotto le stelle dalle ore 20 alle ore 24.

La manifestazione a Campoli del Monte Taburno è in programma per l’8, 9 e 10 agosto, dalle ore 20 alle ore 24, è organizzata dal Forum dei Giovani, ed è giunta alla sua quattordicesima edizione; mette in mostra i prodotti locali abbinato ai vini del territorio, tra i quali spiccano l’Aglianico e la Falanghina.
L’appuntamento enogastronomico è inserito tra i “Grandi Eventi” promossi dalla Regione Campania.
Il Forum dei Giovani, organizzatore, ha ideato una cornice più accogliente, nuove scenografie e graziosi allestimenti per permettere al vino ed ai prodotti tipici di porsi con maggiore interesse all’attenzione dei tantissimi visitatori. Le tre serate sono accompagnate da spettacoli musicali, ballo liscio, musica popolare e attrattive di vario genere che coinvolgono ogni singola fascia di età.
Durante la festa si potranno assaggiare i prodotti tipici della tradizione contadina: cavatelli al sugo con tracchie di maiale; rustico con salami locali; padellaccia (soffritto di carne di maiale con peperoni e patate); pizzili (pastella fritta con fiori di zucca); sfizi fritti di varia fattura e dolci. A termine delle tre serate spettacolo di fuochi pirotecnici.
A caratterizzare le tre serate si svolge una gara tra le varie aziende, che premia il vino migliore di annata.
Sarà allestito il Museo delle Tradizioni contadine realizzato con i mezzi agricoli d’epoca messi a disposizione dagli abitanti del paese, completato con una ricostruzione di una cantina secolare. Lungo la strada del gusto decine di aziende esporranno i loro prodotti provenienti anche da altre zone dell’entroterra sannita.
Un piccolo luna-park sarà a disposizione dei bambini mentre la musica allieterà le serate.
Con l’ausilio dei panificatori campolesi, il Forum dei Giovani allestirà un “panificio sotto le stelle”, per offrire il rinomato pane campolese, preparato e cotto all’istante, seguendo i cannoni della tradizione locale.

Anche quest’anno il borgo medievale di Petruro Irpino, l’11 agosto – dalle 8.30 alle ore 24, brillerà di calici e di stelle. Un calice e una stella per tutti: la magia si ripete anche per l’edizione 2015, che nel piccolo comune irpino è arrivata alla quarta edizione. Sarà protagonista il pregiato vino bianco “dall’anima gemella”, il Greco di Tufo Docg, lungo tutto il suggestivo borgo antico che si vestirà a nuovo a partire dalle ore 8:30v offrendo agli enoturisti, appassionati del buon bere, una serata all’insegna della riscoperta di uno scenario storico, paesaggistico, ambientale e cultura e da mozzare il fiato, tra i più belli della Valle del Sabato.
Dagli scaloni di Via San Bartolomeo fino al belvedere il località Toppola, verranno allestiti angoli dedicati alle cantine irpine che esporranno e faranno degustare i loro vini. Stand di artigianato locale intervalleranno le singoli postazioni enologiche, mentre angoli musicali intratterranno il pubblico e gli ospiti che man mano si soffermeranno nei pressi dei diversi stand per le degustazioni.
Saranno organizzati anche momenti di interesse culturale e letterario. Non mancheranno banchi di prodotti tipici della gastronomia locale; una serata alla riscoperta di antichi splendori e rinnovati sapori in quello che fu un accampamento pretoriano e che fa da spartiacque tra il Sannio e l’Irpinia; uno scenario unico che si potrà godere nella sua pienezza a 510 metri di altitudine tra i monti Partenio e Bella Dormiente. Il posto fa da vedetta al fiume Sabato, alle miniere di zolfo di Altavilla Irpina e al sito delle Streghe, il leggendario noce di Benevento.
 

Degustazioni a tema a Tramonti (Salerno); convegno con la partecipazione di esperti, giornalisti, operatori del settore enologico e della filiera vitivinicola; il 10 agosto, dalle ore 19 alle ore 24, presso l’antico chiostro del convento di S.Francesco.
L’evento estivo più atteso dagli enoturisti e amanti del vino quest’anno sarà dedicato alla musica, che richiama alla memoria i brani italiani più famosi dove il vino è protagonista.
In molte location non mancherà l’osservazione guidata delle stelle attraverso i telescopi dell’Unione Astrofili Italiana – (UAI), che rinnova la propria collaborazione per questo evento inserendolo nel calendario delle “astro iniziative” promosse in abbinamento a “Le notti delle stelle”. Confermato il premio “La stella di Federica” dedicato alle immagini che meglio valorizzano la relazione fra la festa di Calici di Stelle e l’ambiente circostante. Il premio consiste in una bottiglia magnum “Il Taglio per l’Unità” frutto di un blend ottenuto dall’unione di vitigni autoctoni selezionati per conto di Città del Vino da Roberto Cipresso in rappresentanza di tutte le Regioni.

Ape, camion e food truck: la magia dello street food che fa impazzire gli italiani

I food truck si potrebbero definire  “un fenomeno di business” una indiscutibile realtà che viene da molto lontano un fenomeno che si fa risalire al 1872 e alla diffusione dei primi carretti a traino che vendevano salsicce calde per le vie di New York e Manhattan. Da allora è stato un crescendo di mezzi adibiti alla vendita di cibo in mobilità. Subito dopo i carretti arrivano le biciclette a cui erano legati piccoli rimorchi o costruite appositamente per la vendita di alimenti. Con la nascita e la diffusione di auto e camion con motore a scoppio, già verso la fine del 1800, inizia il fenomeno dei foodtruck. In Italia i primi furgoncini che vendono cibo per strada si iniziano a vedere nei primi decenni del ‘900 e sono “paninoteche” mobili che contribuiranno – e non poco – alla diffusione di cibi e prodotti nel nostro Paese. Nel 1948 con la diffusione degli Ape Piaggio, questo segmento si espande ulteriormente grazie alla economicità e versatilità del mezzo che consente di essere “attrezzato” con piccoli investimenti.

carretto

Una curiosità. Negli Stati Uniti sono così tanti che il Comune di New York, come molti altri, sta valutando la necessità di fare una norma per regolamentarne l’attività.

Oggi le cose sono un po cambiate, tanto da coinvolgere perfino gli  Chef stellati a 4 ruote, che sono scesi on the road : Mario Uliassi con la Uliassistreetgood gang prepara nella sua cucina mobile panini e porchetta, ali di pollo piccanti e dolci, trippa del canaparo, spuma di tirami su a 6 euro. L’ Ape Romeo di Cristina Bowerman propone a Roma, in zona Prati, pizza e mortadella artigianale, ciabattina con coppa di testa cotta, panino di pastrami. Martini e Aperol sono in strada a Milano per gli aperitivi, con tanto di postazione dj. Nella Capitale imperversa Pizza e Mortazza (il mezzo è rosa a pois) e Mozao (tigelle e gnocco fritto).

pizzaemortazza

L’Ape Scottadito fa tappa ad Ascoli Piceno, la Toraia a Firenze è specializzata in hamburger di chianina, mentre un pulmino Wolksvagen del ’67 è la location vintage di Farinel on the road, per miasse e panini ruspanti. Spostamenti e info sul web.

Volete aprire un food truck?

Se siete dei neofiti, per prima cosa fissate il budget, sapendo che l’allestimento di un mezzo certificato varia dai 20.000 ai 40.000 euro. Per un equipaggiamento di un veicolo bisogna avere chiaro in mente cosa, come e dove vendere. In Italia la burocrazia non aiuta: i food truck sono regolati dal “commercio al dettaglio su area pubblica”, ovvero strade, canali, piazze, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio. Anche ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico. Si tratta di commercio ambulante (disciplinato dal Decreto Legislativo n. 114 del 31 Marzo 1998 (artt. 27-30) “Riforma Bersani) che può essere esercitato esclusivamente da persone fisiche o da società di persone.

Requisiti e autorizzazioni per ditte individuali e società

Per ottenere le autorizzazioni bisogna essere in possesso dei requisiti soggettivi (anche morali, art 71 – commi da 1 a 5) previsti dalle norme legislative in materia, e dai requisiti oggettivi, a seconda del tipo di commercio che si desidera effettuare.
Per le ditte individuali è richiesta iscrizione al Rec, dimostrando la frequenza di un corso riconosciuto dalla Regione. E’ sufficiente anche provare di aver esercitato per 2 anni, nell’ultimo quinquennio, analoga attività, in qualità di titolare, socio, dipendente qualificato o collaboratore. In alternativa, basta il diploma di scuola alberghiera o titoli di studio attinenti.
Per le società (ammesse solo di persone, in nome collettivo, in accomandita semplice) serve indicare un preposto che abbia i requisiti professionali.

Ambulanti o itineranti?

La licenza di tipo “A” è per il commercio ambulante con posteggio fisso: è concessa per un preciso giorno in un specifico mercato o fiera. Semestralmente (tra marzo-aprile e settembre-ottobre) la Regione pubblica sul Bur l’elenco dei posteggi liberi di ogni Comune.
L’autorizzazione viene rilasciata dal municipio in cui si svolgerà l’attività, insieme al contratto di concessione del posteggio. Tale autorizzazione consente anche la vendita in forma itinerante nell’ambito della Regione e la partecipazione alle fiere in tutto il territorio nazionale. Nei Comuni sprovvisti di posteggio, si può ottenere la licenza subentrando nell’autorizzazione con atto notarile di cessione di azienda o di ramo di azienda o tramite scrittura privata legalizzata da un notaio.
Il commercio ambulante in forma itinerante, invece, prevede la licenza di tipo “B” : viene rilasciata, su richiesta dell’interessato, con lettera raccomandata, dal Comune di residenza e consente il commercio in tutto il territorio nazionale, comprese fiere e mercati, limitatamente ai posteggi non assegnati o provvisoriamente non occupati per assenza dei titolari. Si svolge con mezzi mobili e con soste limitate a 120 minuti. Abilita anche alla vendita al domicilio del consumatore.
L’autorizzazione del Comune è sempre gratuita. Per info più approfondite su concessioni di posteggi o trasferimenti rivolgersi al municipio in cui si intende avviare l’attività.

Autorizzazione igienico-sanitaria e immatricolazione

I veicoli utilizzati per la vendita dei prodotti alimentari devono rispondere anche ai requisiti indicati dal Ministero della Sanità. La Asl rilascia l’autorizzazione sanitaria. I mezzi sono immatricolati secondo il codice della strada come veicoli speciali per uso negozio.
Ottenuta l’autorizzazione amministrativa e sanitaria, basterà richiedere l’apertura della Partita IVA all’Agenzia delle Entrate, aprire una posizione presso Inps e Inail e procedere all’iscrizione alla Camera di Commercio.
Per semplificare le procedure, può essere utile consultare il sito sui servizi per la Comunicazione Unica:http://www.registroimprese.camcom.it.