Contro le diseguaglianze sociali e la miseria sabato 17 ottobre giornata di mobilitazione nazionale

Sabato 17 ottobre, in occasione della “Giornata Mondiale contro la povertà”, la rete nazionale delle organizzazioni della  Campagna ‘Miseria ladra’ promuove una giornata di mobilitazione contro le diseguaglianze sociali e la miseria.
In Italia e in Europa si registrano livelli inaccettabili di diseguaglianza e povertà. Infatti negli ultimi 7 anni il nostro paese è stato travolto dalla crisi. I dati fotografano un paese fragile, povero, segnato dalla disoccupazione e dalla disuguaglianza sociale: sono più di 8 milioni le persone in povertà relativa e 4,2 milioni in povertà assoluta. Secondo Eurostat un terzo della popolazione è minacciato dalla povertà. Sono più di 1 milione i minori indigenti, anche la dispersione scolastica ha subito un’impennata arrivando a oltre il 17%. Per non parlare della piaga della disoccupazione, della precarietà e dei ‘lavoratori poveri’. Lo stato sociale in questi anni è stato depotenziato, fino a tagliare dal 2008 al 20014 il 58% del fondo sociale.
Di fronte a questa situazione è necessario e urgente cambiare rotta e fare ognuno la propria parte per rimettere al centro la dignità e la giustizia sociale, precondizione per sconfiggere mafie e corruzione.
Per questo motivo la rete nazionale delle organizzazioni che fanno parte della campagna ‘Miseria ladra ha deciso di  lanciare il 17 ottobre una  giornata di mobilitazione aperta a tutte e tutti per rimettere al centro il diritto all’uguaglianza e alla dignità sancito dall’articolo 3 della nostra Costituzione.  

La lotta alla mafia significa lavoro e scuola, Il presidente di Libera, Luigi Ciotti ricorda che il “17 ottobre in tutta Italia scenderemo in piazza per il reddito di dignità che l’Europa chiede da anni. Non vogliamo dei tamponi come viene fatto spesso in Italia, ma un grande progetto per la dignità delle persone.”

‘Open Space’, social talk targato Iene

La tv spalanca le porte al web con un programma inedito,  ‘Open Space’ condotto da Nadia Toffa. L’obbiettivo della trasmissione è di trasformare lo studio televisivo in una piazza virtuale, attingendo la maggior parte delle notizie sul web. La Toffa, alla sua prima esperienza da conduttrice in studio, ha spiegato di voler dare spazio alle notizie che oggi si discutono molto sui social e non trovano spazio in tv. La promessa è quella di cercare  una via fresca per discutere in tv, pur usando un tono diretto e graffiante, tipico delle “Iene”. Il  programma in se non ha niente che possa somigliare a Le Iene. L’unica cosa è lei e  qualche autore, mentre gli  inviati sono dei “poveretti , ragazzi giovani, buffi, con un bel sorriso. Non ci resta che aspettare domenica 11 ottobre per vedere il “primo social talk”, appuntamento in prima serata su Italia 1.

Garage Italia Customs

Prendi una location storica, artigiani d’eccellenza, un cuoco stellato, aggiungi la creatività di Lapo e il business è servito. Garage italia Customs  è l’ultima idea del rampollo di casa Agnelli, che con Garage Italia Customs riporterà in vita uno degli edifici più particolari di Milano. Il marchio italiano ideato da Lapo Elkann ha infatti scelto come propria sede l’ex stazione di servizio Agip di Piazzale Accursio creata negli anni cinquanta dall’Architetto Mario Bacciocchi. All’interno della nuova sede di Garage Italia Customs, che aprirà al pubblico entro l’estate del 2016,  artigiani di eccellenza, personalizzeranno auto di ogni tipo «e tutto ciò che ha un motore», come  barche, aerei ed Elicotteri. Ciò non deve però far pensare a modifiche pensate solo per veicoli esclusivi: l’idea del team di Garage Italia Customs è quella di poter trasformare in unico qualsiasi veicolo, moto comprese.

lapo1

Uno degli obbiettivi dell’azienda di Elkann è  «mostrare al mondo l’eccellenza artigianale italiana» infatti Sono in via di definizione accordi per aprire filiali in franchising di Garage Italia Customs anche all’estero, dagli States a Dubai, passando per l’Oman. La sede di Piazzale Accursio, inoltre, vanterà l’apertura di un ristorante dello chef Carlo Cracco. «Quando Lapo mi ha espresso le sue idee, gli ho detto “si” prima ancora che finisse la frase» . Il binomio motori e cucina è straordinario e assolutamente attuale, commenta il volto noto di Sky. I prezzi, tuttavia, saranno popolari, come lo stesso Elkann ci comunica. «Si arriverà ad un massimo di 50 euro a persona.»

Una bella notizia: Bimbo salvato da allergia grave ‘lavando’ il sangue

Un bambino di 7 anni è stato salvato da una grave allergia utilizzando per la prima volta al mondo il “lavaggio del sangue” dagli anticorpi responsabili del suo stato, per il quale i farmaci non erano più efficaci. È una procedura di separazione del sangue in globuli rossi e plasma che viene utilizzata comunemente nei pazienti che seguono terapie antirigetto dopo un trapianto o quando sono affetti da malattie autoimmuni gravi. Consiste nel creare una circolazione extracorporea attraverso una macchina che depura il sangue da tutti i tipi di anticorpi nocivi. E’ avvenuto all’ospedale Bambino Gesù di Roma e l’articolo è stato pubblicato su Pediatrics. Michele era affetto da una gravissima forma di allergia alimentare che, oltre ad avergli fatto rischiare  la vita piu’ volte, ha limitato la sua infanzia, costringendolo a stare attento a tutti i cibi come latte, uova, nocciole, pesce e frutta che popolano la tavola di ogni piccolo della sua eta’. Tutti alimenti che si trasformano in veleno, per il piccolo che fino allo scorso anno non aveva potuto condurre una vita come tutti i suoi coetanei. Una sorta di controllato a vista all’asilo, a casa, nei momenti di svago, per il rischio di entrare in contatto con qualcuno dei suoi nemici. 
  La sua allergia multipla era così grave, il livello di immunoglobuline E nel sangue (IgE, anticorpi responsabili delle allergie) talmente elevato, tale da non poter assumere neanche il farmaco specifico che tiene sotto controllo la malattia, a causa degli effetti collaterali che si manifestano quando somministrato al di sopra di una determinata soglia di IgE. Dopo tanti tentativi di migliorare la sua condizione, Michele è arrivato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dove un team multidisciplinare ha eseguito una serie di test ed esami. Escluse le soluzioni terapeutiche come la desensibilizzazione specifica ai singoli allergeni o la terapia farmacologica, il piccolo paziente è stato sottoposto a un trattamento innovativo che gli ha restituito una vita normale. L’allergia alimentare colpisce mediamente l’1,5% della popolazione generale. La prevalenza è più elevata nei primi anni di vita – ne soffre il 2-3% dei bambini entro i primi 24 mesi – mentre tende a diminuire con l’età. In Italia si stima che oltre 250.000 bambini e ragazzi sotto i 18 anni abbiano una allergia a qualche alimento. Il trattamento non e’ una cura definitiva ma ha permesso per la prima volta di abbassare in modo importante il livello della malattia tenendola sotto controllo.

Tra David Beckham e Victoria: Amore inossidabile

Lo scorso luglio David Beckham e la moglie Victoria hanno festeggiato sedici anni di matrimonio. Un’amore forte e meravigliso, una bella rivincita a dispetto di chi,  non avrebbe scommesso sulla durata della loro storia. Il nostro matrimonio, come ha ribadito di recente Victoria, anche se è stato spesso sotto l’occhio inclemente del gossip, non ha mai scalfito la nostra vita di coppia, io e David non abbiamo nulla da dimostrare, siamo orgogliosi della nostra famiglia.  «È vero che viaggiamo spesso per via dei nostri rispettivi impegni, ma troviamo sempre tempo l’una per l’altro come coppia e come famiglia». Dal canto suo  l’ex calciatore   ha dichiarato di essere  fiero di  sua moglie e del ruolo che svolge come Godwill Ambassador alle Nazioni Unite. Dichiarazioni che mettono a tacere definitivamente le chiacchiere circolate di recente sulla coppia.

Belen: Sempre Belen

Sabato sera, la showgirl ha fotto alzare lo share, con Tu Si Que Vales ha  4 milioni e 800 mila spettatori, (nei pochi secondi che le spettano) aggiudicandosi le fasce di prima e seconda serata. Ma cosa si sarà inventata di cosi accattivante da far schizzare l’indice di ascolto? Una nuva farfallina! No , una jumpsuit in cady in seta bianco, che ha valorizzato il suo décolleté, per il resto ci pensa il suo fisico strepitoso.

Anna Tatangelo: Esplode la polemica sui social network per campagna LILT

Sono  molte le donne, che affermano: non occorre spogliarsi per attirare l’attenzione verso un argomento di tale delicatezza “come la prevenzione per il tumore al seno”. La risposta della Tatangelo non si è fatta aspettare, “L’abbraccio del seno simboleggia il gesto più intimo per dire: “Mi voglio bene, per questo mi prendo cura della mia salute”, e l’invito a tutte le donne a fare altrettanto. “La prevenzione deve diventare uno stile di vita tutte/tutti noi dobbiamo capire che basta poco: ritagliarsi del tempo con appuntamenti fissi, calendarizzati, per controllare la nostra salute e vivere meglio, e, soprattutto, non rischiare di accorgerci troppo tardi del male”. Ma un gruppo di donne, “Le Amazzoni Furiose”, particolarmente attive sull’argomento, con un post sulla propria pagina Facebook, scrivono: “Le sottoscritte desiderano esprimere profondo sconcerto di fronte alla campagna Nastro Rosa 2015, la cui testimonial è una nota cantante ritratta a torso nudo, con le braccia a coprirne in parte i seni. Una posa che rappresenta un salto di qualità, di segno negativo, rispetto alle edizioni precedenti della campagna. Negli anni passati, infatti, a rappresentarla erano state scelte donne, sempre appartenenti al mondo dello spettacolo o dello sport e non colpite dalla malattia, che, tuttavia, erano state ritratte vestite e in atteggiamenti più consoni al tema. Per l’anno in corso, invece, la campagna punta ad offrire un’immagine sessualizzata e trivializzante della malattia, utilizzando in maniera pretestuosa l’invito a “fare prevenzione”, espressione ambigua con la quale ci si riferisce comunemente all’adesione ai programmi di screening per la diagnosi precoce del cancro al seno attraverso mammografia”.  Il presidente della LILT ha difeso la scelta della Tatangelo sostenendo che si tratta di “una campagna di prevenzione non rivolta alle donne malate, ma alle giovani e giovanissime. Quella posa che ha offeso le firmatarie della lettera, sono sincero, è stata voluta perché è un’immagine positiva impegnata a mantenere il proprio stato di salute, di benessere. Non ho mai pensato a una posa da calendario. Schittulli, inoltre, ha precisato che la collaborazione di Anna Tatangelo è gratuita e che la cantante si è offerta anche di fare un tour nelle scuole per parlare di prevenzione primaria.

Pesto: la salsa che fa bene al cuore

Il pesto è una salsa a crudo: qui tutti gli ingredienti sono amalgamati a freddo, senza essere cucinati, e quindi risultano particolarmente benefici perché conservano intatte tutte le loro proprietà. Scopriamo come gustarlo in abbinamento al polipo in un prelibato tortino.

L’INGREDIENTE DELLA BELLEZZA – La prima ricetta del pesto sembra risalire all’Ottocento. Secondo la tradizione, gli ingredienti indispensabili sono sette: foglie di basilico di Pra’ giovani, olio extra vergine di oliva, pinoli italiani, Parmigiano-Reggiano, fiore Sardo, aglio di Vessalico, sale marino grosso.

LE PROPRIETA’ – Il pesto è un ottimo condimento per chi vuole rimanere in forma e rinforzare l’organismo. Il basilico e l’aglio depurano fegato, stomaco e intestino, rinforzano il cuore, abbassano il colesterolo e rinforzano le difese immunitarie. I pinoli, dai benefici antiossidanti, e l’olio d’oliva, invece, sono ricchi di grassi buoni e di minerali preziosi per la salute della pelle e delle articolazioni. In abbinamento al polipo, inoltre, si fa il pieno di omega 3 e di tutte le sostanze di cui è ricco il pesce.

LA RICETTA: TORTINO CON PESTO E POLIPO (gentilmente offerta da Aldelio di Osteria Pucci – Roma) Iniziamo facendo bollire per 10 minuti mezzo chilo di polipo in abbondante acqua. Spegniamo quindi il fuoco e lasciamo freddare il polipo dentro l’acqua di cottura (questo procedimento lascerà il polipo tenero), quindi tagliamolo a pezzetti. Impastiamolo insieme a mezzo chilo di patate lessate e tagliate a loro volta, regoliamo di sale e pepe quanto basta e componiamo quattro polpette con l’aiuto di un coppapasta. A questo punto colare un cucchiaio di pesto, ne servono in totale circa 200 grammi, su ogni polpetta. Decoriamo con lamelle di cipolla rossa, tagliata non troppo fine, passate nella farina e fritta in padella. LA RICETTA PASSO PER PASSO: niziamo bollendo il polipo mettendolo in un tegame pieno d’acqua.

Appena bolle, contare 10 minuti e poi spegnere il fuoco e lasciarlo freddare dentro l’acqua di cottura (questo procedimento lascerà il polipo tenero).

Nel frattempo bollire anche le patate. Quando il polipo sarà freddo, tagliarlo in piccoli pezzetti e impastarlo con le patate bollite. Aggiungere sale e pepe quanto basta e comporre quattro polpette con l’aiuto di un coppapasta.

A questo punto colare un cucchiaio di pesto su ogni polpetta.

Ora tagliate la cipolla non troppo fina in maniera da ottenere delle lamelle, passarle nella farina e friggerle. Appena diventano dorate, levarle dall’olio ed adagiarle sul pesto.

IL CONSIGLIO VELOCE – Abbrustolite il pane e adagiatevi sopra il pesto ligure. Abbellite e arricchite l’antipasto aggiungendo delle fettine sottili di radicchio, che lo rende ancora più nutriente e ricco di proprietà benefiche.

STOP AL SESSO VELOCE: ECCO COME INSEGNARLO A LUI

Se il tuo partner conclude troppo in fretta puoi insegnargli a rallentare e godere di più il sesso che fate.

A te piace farlo con calma, con lentezza. L’atmosfera dev’essere quella giusta, gli sfioramenti progressivi, i preliminari che si fanno via via più intensi e sensuali.
Lui, invece, sembra un manager che passi da un impegno all’altro, freddo, sbrigativo. E arriva subito alla conclusione. Ma lui è maschio: non allarmarti, è perfettamente normale. «Lo slow sex è naturalmente più apprezzato dalle donne», avverte Marco Rossi, fondatore del Centro di Medicina Sessuale di Milano, «Gli uomini invece, istintivamente portati verso un tipo di atto sessuale impetuoso e frettoloso, dove il momento fondamentale è l’orgasmo a tutti i costi, fanno fatica con le partenze lente».
Insegnargli a cambiare ritmi, però, non è impossibile.

Inizia dagli sfioramenti
Nel sesso, il senso fondamentale per gli uomini è la vista. Se abbassi le luci, sarà costretto a concentrarsi anche sugli altri sensi. L’importante, anche in questo caso, è che lui viva queste sensazioni come eccitanti. Toccalo e fatti toccare, magari al buio.

Imponi un ritmo calmo e sensuale
All’interno di una relazione stabile, dedicare attenzione al momento della sessualità assaporandone tutte le sfumature aiuta ad aumentare la complicità, diventa un ulteriore momento di scambio di intesa tra i partner. Nei rapporti occasionali invece, gestire la situazione senza avere fretta contribuisce a diminuire l’ansia da prestazione iniziale.

Provocalo con sensuale lentezza
Se hai speso soldi per indossare lingerie di lusso alla quale lui non fa neanche caso, preso dalla foga di spogliarti il più velocemente possibile, comincia allora a gestire tu il momento dello spogliarello: starà a te decidere quanto e per quanto tempo rimanere in lingerie, quando permettergli di avvicinarsi e quando smettere di giocare per passare a momenti più decisivi.

Occhio alle posizioni
Cerca di scegliere posizioni dove sei tu a dirigere il rapporto: se sei sopra di lui, sarà più facile rallentare il suo impeto. Prova a mettergli le mani sui fianchi, poi guidalo dolcemente secondo i tuoi ritmi. Oppure, fallo sedere su una sedia e siediti su di lui: anche questa è una situazione che, mente ti permette di dirigere i movimenti, sarà vista da lui come estremamente eccitante e, quindi, molto più godibile a lungo.

Come attrarre e sedurre un uomo

Tutte si chiedono come attrarre e sedurre un uomo, ma poche sanno la risposta a questa domanda e tutte sono in cerca di questa preziosa risposta.
Nelle uscite tra amiche è sicuramente in cima alla lista degli argomenti trattati. Si fantastica sul cosa dire, sul come vestirsi e sul come comportarsi.
Premettiamo che in realtà non esistono delle strategie perfette, perché il rapporto con un uomo, è pur sempre una relazione tra dueesseri umani con due teste e due cervelli complessi.
Ci sono però dei trucchi e pochissime regole che tutte dovrebbero seguire e rispettare, andiamo a scoprire quali sono in questa semplice guida.

Prima regola ricordatevi che la bellezza fa tanto ma non è del tutto sufficiente per attrarre un uomo.
Una regola fondamentale è quella di essere sempre al top e di valorizzarvi continuamente, sentirvi sempre il meglio che un uomo posso desiderare. Questo non significa dover essere eccentriche e camminare su tacchi vertiginosi, ma significa essere curate, vestirsi bene e soprattutto essere sicure di se stesse. Sì può benissimo far colpo in jeans e scarpe basse, ma l’importante è vestirsi bene, con classe e eleganza, senza alcuna volgarità. Non mostrate apertamente la vostra fisicità, il vostro fisico deve essere una sorpresa e una scoperta della vostra preda.

Se siete già alla prima uscita, le regole sono leggermente diverse, mi raccomando però ricordatevi di non parlare troppo e svelare cosi subito i vostri segreti.
Soprattutto non parlate di ex, matrimonio o di argomentieccessivamente impegnativi.
Sono argomenti che non attirano la mente maschile. Ammirano, invece, quelle che sanno agire, sanno farsi rispettare e che non cercano a tutti i costi una persona al fianco per sentirsi complete.
Attenzione a non manifestare tutta la vostra cultura, in quanto, l’uomo non vuole sentirsi inferiore. Per sedurlo è necessario smuovere il suo istinto e la sua parte irrazionale. In fondo, l’innamoramento è questo.
Durante il vostro incontro giocate con gli sguardi e cercate lavicinanza fisica per poi allontanarvi di nuovo. Deve essere lui a baciarvi. Ma ci possono essere eccezioni. A loro piace l’imprevedibile.

Volete una storia duratura? Se la risposta è affermativa, ricordatevi di non dare mai certezza e disponibilità. La certezza rende labile l’amore.
L’uomo deve scegliervi perché è innamorato, non perché siete la cosidetta brava ragazza, che sta a casa ad aspettarlo. Dovete quasi essere un tormento per lui; ovviamente un piacevole tormento.
Inoltre, cercate di non chiamarlo spesso e non rispondete sempre alle sue telefonate.
Quando parlate con lui, usate un tono di voce calmo e accoglietelo sempre con un sorriso elegante. Le musone non sono mai piaciute.
Siate seducenti e spiritose durante gli incontri, ma poi “scappate” per un po’.
Quindi dovete essere donne e uomini al contempo. Infatti gli uomini sono un po’ fuggitivi, ed è arrivato il momento che iniziate ad esserlo anche voi. La parola chiave per sedurre l’uomo della vostra vita è “giocare”. Giocate e divertitevi. Fate questo e la seduzione diventerà piacevole e soprattutto semplice.